Archivio della categoria: Introduzioni

Interviste audio-video: il perché di una precisa modalità comunicativa

La possibilità della menzogna e dell’inganno, più o meno in buona fede, pesa come un macigno in ogni comunicazione, tanto più in un ambito come quello di un Io spirituale che avrebbe una sua possibile autonomia dalla corporeità.

Tutte le neuroscienze hanno eliminato ogni dualismo corpo-mente e pongono il monismo come punto di partenza assoluto.

Perfino la teologia contemporanea ha depennato dal proprio linguaggio lo stesso termine di “Anima”, retaggio di un dualismo platonico ormai definitivamente abbandonato.

Eppure “i fatti sono ostinati” e un racconto narrato con semplicità colpisce, a volte, più di mille documentate “evidenze scientifiche”.
La storia della scienza, d’altro canto, è piena di rivoluzioni epistemologiche, di terremoti di paradigmi, di protocolli stracciati.

Lungi da noi l’accodarci allo sconfinato corteo degli irrazionalisti e degli oppositori alla scienza. Vogliamo essere, però, un po’ <anarchici>, un po’ <eretici>.
Ci piace quella frase di Bertrand Russell: “Gli innocenti non sapevano che la cosa era impossibile, quindi la fecero”!

E.A. – V.G.

 

Perché questo sito…

Abbiamo un’ambizione!

Vogliamo intervenire seriamente nel delicato ambito delle “questioni di confine” – di certo, il settore di indagine universalmente più coinvolgente – attraverso la forza prorompente della documentazione videografica diretta. Le nostre saranno perlopiù video-interviste, condotte col rigore metodologico di chi si pone in questo difficile ma affascinante viaggio con lo scopo di documentare resoconti “fuori dall’ordinario”, direttamente dalla voce degli interessati, di coloro, cioè, che questi eventi li hanno vissuti in prima o primissima persona e che, per il fatto stesso di essere disposti a raccontarli, contraddistinguendosi per una comune sobrietà narrativa, si mettono in gioco, non volendosi sottrarre al giudizio, a volte anche pungente, di chi li ascolta.

Condurremo, di fatto, una vera e propria indagine, alla ricerca di tracce di una “dimensione spirituale” che, pur avvolta nel mistero, a volte squarcia il velo e provoca effetti empirici, quali, ad esempio, fenomeni cognitivi “anomali” e manifestazioni fisiche straordinarie, solitamente riscontrati nella vita dei grandi mistici ma che – lo scopriremo insieme – possono far parte anche della vita della gente comune.

Lo ripetiamo. Abbiamo un’ambizione!

Vogliamo contribuire, grazie al nostro lavoro di raccolta documentativa, al lento ma inesorabile progresso di quel cammino, oramai iniziato, che conduce al riconoscimento culturale e – perché no – anche scientifico di ciò che ad oggi continua, purtroppo, ad essere ancora considerato “terra incognita”.

Da questo nostro ambizioso progetto scaturisce la scelta di assumere quale motto – prendendola in prestito dal celebre teologo, mistico nonché missionario Raimondo Lullo (Palma di Maiorca, 1233 – 1316) – la frase “Deus intelligit et non credit”.

A proposito, stavamo quasi per dimenticarcene! I video da noi prodotti e che troverete all’interno di questo sito sono stati tutti realizzati tra Italia e Giordania, utilizzando tecnologie all’avanguardia con lo scopo di unire al valore dei contenuti l’alta qualità dei filmati. Solo per fare qualche esempio (i dettagli tecnici saranno, comunque, sempre indicati a margine delle interviste), abbiamo utilizzato, per i video in Full HD, una Canon EOS 5D Mark II (sensore Full-Frame) ma anche una Canon EOS 650D (sensore APS-C), per le ottiche abbiamo fatto ricorso a zoom Canon EF 24-105mm e EFS 17-55mm ma anche ad ottiche fotografiche Zeiss e Leitz, ed infine, per l’acquisizione dell’audio, ci siamo affidati alla qualità professionale del Tascam DR-100 Mk II.

Adesso sì che si può dare inizio al nostro viaggio!…

E.A. – V.G.